Per me la danza è un alimento,
qualcosa di cui ho bisogno,
proprio come l’aria che respiro,
il cibo che mangio.
(G. Burge)